N-acetilcisteina: un potente antiossidante

L’utilizzo della N-acetilcisteina (NAC) come agente mucolitico è noto fin dal 1960: la NAC può rompere i ponti disolfuro delle proteine del muco, con conseguente riduzione della viscosità. A partire dagli anni ’70 viene impiegata nel trattamento dell’intossicazione da paracetamolo.

 

È negli anni ’80 che viene scoperta l’azione antiossidante di questa molecola e la NAC comincia ad essere impiegata nelle patologie caratterizzate da un alto livello di stress ossidativo.

 

L’effetto antiossidante della NAC è esplicato attraverso diversi meccanismi d’azione (Fig. 1):

  1. Azione indiretta: questa attività si riferisce alla capacità della NAC di agire come precursore del glutatione (GSH), che è uno dei più potenti antiossidanti del nostro organismo.

L’acetilcisteina è un derivato dell’amminoacido cisteina. L’N-acetilcisteina, una volta assorbita dall’intestino, è resa disponibile a livello cellulare dove viene deacetilata (perde un gruppo acetile) rigenerando la cisteina (cys). La cisteina libera, insieme al glutammato e la glicina, forma il GSH. La capacità di incrementare i livelli endogeni di glutatione fa di questa molecola uno dei più efficienti antagonisti del danno ossidativo.

  1. Azione diretta: la NAC, grazie al suo gruppo -SH, può agire come scavenger diretto di alcune molecole ossidanti.
  2. Rottura dei ponti disolfuro: la NAC rompe le proteine tiolate rilasciando così i tioli liberi (R-SH), che potenziano l’attività antiossidante diretta e favoriscono la sintesi di GSH (azione indiretta).

Fig. 1: Overview dei meccanismi antiossidanti della NAC.

Conclusione

Diversi studi condotti sugli animali e sull’uomo hanno dimostrato la potente attività antiossidante della NACgrazie alla sua capacità di agire come precursore del glutatione, al suo effetto antiossidante diretto e alla capacità di ripristinare il pool di gruppo tiolici (-SH), che a loro volta regolano lo stato redox.

 

Bibliografia: Giancarlo Aldini, Alessandra Altomare, Giovanna Baron, Giulio Vistoli, Marina Carini, Luisa Borsani and Francesco Sergio, FREE RADICAL RESEARCH 2018, VOL. 52, NO. 7, 751–762

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin